Barillà (La Stampa): "La Juve non può investire sia sulla difesa che sul centrocampo"

12 giu 2019 18:00Altre notizie

Ai microfoni di Radio Bianconera, nel corso di ‘Avanti Madama’, è intervenuto il giornalista de La Stampa Antonio Barillà: “Sono ore decisive per l’allenatore, siamo agli sgoccioli. Credo che oggi si sia raffreddato definitivamente chi continuava a parlare di Guardiola. Forse nei sogni dei tifosi, ma ogni giorno arrivano conferme contrarie. Che Sarri sia una pista iper concreta credo che sia innegabile. Se il 90% dei giornali, delle tv e dei siti autorevoli parlano tutti della stessa cosa qualcosa vuol dire”.

Sull’ipotesi Icardi: “È un giocatore che piace alla Juventus, ma bisogna essere molto attenti agli incastri. La Juve ha tanti attaccanti. Icardi per il momento sta puntando i piedi, se proprio deve andar via può aspettare di partire a parametro zero. Ci sarà un braccio di ferro che esclude una trattativa più o meno fulminea”.

Sulla difesa: “Rugani quest’anno potrà fare un salto tra i titolari, magari con una gestione maggiore di Chiellini. La difesa va sicuramente ringiovanita. La Juventus non può mettere sul piatto tutti questi milioni, quindi se decide di investire su Pogba o Milinkovic-Savic dovrà risparmiare sulla difesa. Se ammettiamo che la Juve investa sul centrocampo non possiamo pensare che lo faccia anche per la difesa. Io investirei sulla retroguardia, reparto in cui c’è un solo giocatore sotto i 30 anni. A meno che non faccia delle cessioni clamorose, ma a quel punto poi bisogna fare attenzione agli equilibri. L’autofinanziamento è sempre stato la base della Juventus, non deve ingannare l’operazione Ronaldo”.


"Avanti Madama", con Alessandro Santarelli © registrazione di Radio Bianconera

Altre news

Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy