Brighi: "Pjanic? Difficile rifiutare il Barcellona, ma la Juve avrà fatto i suoi conti"

26 giu 2020 18:43Altre notizie

Matteo Brighi, ex giocatore della Juventus, è intervenuto ai microfoni di Radio Bianconera nel corso di ‘Terzo Tempo’: “Ho preso il patentino, ma ho l’idea di non allenare perché porta troppi pensieri… La ripresa della Serie A è stata sicuramente positiva dopo tutto quello che è successo, ha permesso di tornare alla normalità. C’era tanta voglia di giocare. Penso che il campionato sia ripartito come si era concluso, con la Juve favorita, anche perché le altre hanno fatto dei passi falsi. Ma il campionato è ancora lungo e ha ancora molto da dire. In Coppa Italia sicuramente la Juve ha avuto delle difficoltà, forse i giocatori erano un po’ arrugginiti, ma la vedo ancora favorita, anche se ogni partita riserva delle insidie”.

Su Pjanic: “Credo che rifiutare il Barcellona sia molto difficile, anche se ora non è in una squadra molto distante dai blaugrana. Sicuramente il fascino del Barcellona è innegabile. Sicuramente anche la Juve ha fatto i suoi conti. Non bastano due partite sbiadite a dire che Pjanic non è più quello di una volta, per questo dico che probabilmente la Juve avrà fatto i suoi conti. La Juve ci perde o ci guadagna con Arthur? Pjanic al top sicuramente dà qualcosa in più, con Arthur la Juve guadagna qualcosa per l’età e la duttilità. A quei livelli tutti ci perdono e tutti ci guadagnano”.

Clicca sul podcast in calce per la trasmissione integrale.


“Terzo tempo” con Marco Spadavecchia e Giulia Borletto (skype): Matteo Brighi, Giovanni Albanese dalla Continassa, Romeo Agresti (Goal Italia), Mario Gago (Onda Cero), Genny De Gaetano (Agenzia Area). © registrazione di Radio Bianconera

Altre news

Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy