Gasbarroni: "Juve, speravo nell'esordio. E ricordo un aneddoto su Zidane"

30 ott 2019 09:08Altre notizie

L’ex bianconero Andrea Gasbarroni è intervenuto ai microfoni di Radio Bianconera nel corso di ‘Terzo Tempo’: “Differenze tra Torino e Juventus? Il Toro punta sull’orgoglio granata, sulla grinta, cose risapute. La Juve è la squadra da battere. Il derby rimane comunque una partita molto particoalare al di là di come ci si arriva. Sono sempre partite particolari in cui non conta come si arriva, ma conta molto lo spirito, si azzera tutto”.

Sulla sua esperienza alla Juventus: “Speravo nel debutto perché venivo da 15 anni di Juventus, sono stato di loro proprietà fino a 26 anni. Speravo sempre che Ancelotti mi dicesse “È il tuo turno”, ma non è arrivato. Inutile negare che mi sarebbe piaciuto. Ricordo che era una squadra con grandi campioni anche ai tempi, se non sbaglio vinse la Lazio, era una squadra comunque molto forte, ma perse lo Scudetto proprio alla fine. Ho avuto la fortuna di allenarmi con Zidane su tutti, mai vista una roba così. Per far capire la grandezza di quel giocatore, io mi allenavo ed ero un ragazzo molto giovane che contava poco. Ci fu un allenamento dove feci un uno-due con Zidane, gli ho dato il pallone lungo e gli ho chiesto scusa, lui mi ha detto “No scusami tu, dovevo andare prima”. Quasi mi ha chiesto scusa lui. Questo ricordo me lo sono portato dietro, aveva una classe e un’umiltà pazzesca”.

Sul Genoa: “Thiago Motta era un giocatore davvero forte, forse tra i primi tre con cui ho giocato. A 16 anni giocava al Barcellona, poi è arrivato che non stava benissimo, ma si è capito subito di che pasta era fatto. Ha una personalità fortissima come la aveva da giocatore. Adesso è in una situazione ideale, riesce a esprimere i suoi concetti e i giocatori lo amano”.

Sul Napoli: “Ancelotti ha fatto una carriera pazzesca. Sta trovando delle difficoltà, ma ha molta esperienza e credo che tornerà su. Lo vedo un allenatore internazionale, in Champions sbaglia poco, sembra avere qualcosa in più in Europa. Stiamo parlando di una leggenda”

Clicca sul podcast in calce per l’intervento completo.


Andrea Gasbarroni ai microfoni di "Terzo Tempo" © registrazione di Radio Bianconera

Altre news

Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy