Marocchino: "L'esclusione di Mandzukic un po' mi ha stupito"

06 September 2019 16:30Altre notizie

L’ex giocatore della Juventus Domenico Marocchino è intervenuto ai microfoni di Radio Bianconera nel corso di ‘Cose di Calcio’: “La Juve ai miei tempi? C’era un rapporto molto più vicino e umano con i tifosi. La carriera di Gaetano Scirea si è sviluppata in questo calcio. Le rose erano di 16 persone e in società lavoravano in otto. Ricordo allenatori del settore giovanile che non ci sono più. Penso a Petrale, Sentimenti, Bussone, Grosso, Viola… Mi hanno insegnato che il pallone va trattato bene, che per essere bravi bisogna essere precisi. Nella Juventus c’è poi un discorso di serietà dal punto di vista caratteriale. Bisogna essere buoni”.

Sulla Juve attuale: “La Juve è partita un pochino così. Mi è piaciuto Bonucci, un giocatore eccezionale con una grandissima personalità. Un altro giocatore è Khedira. Loro sono stati quelli che mi sono piaciuti di più. Dybala deve riuscire a capire come mettere in campo le sue qualità”.

Sugli esclusi dalla lista Champions: “Può essere una questione tecnica come di mercato. Sono scelte che si fanno soppesando il campo e il mercato. Dispiace perché Mandzukic ha dimostrato un attaccamento ai colori della Juventus e una determinazione eccezionale. Io non so se sia giusto, un po’ mi ha stupito. Le esclusioni ce le comunicava Trapattoni”.


"Cose di calcio " con Antonio Paolino. in studio: Domenico Marocchino. Ospiti della puntata: Malu Mpasinkatu (direttore sportivo), Federico Calcagno (pres. USSI Piemonte), Roberto Tavola (ex giocatore Juventus) © registrazione di Radio Bianconera

Altre news

Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy