Piacenza, Cacia: "Contro la Juve U23 bella sfida. Squadre B? In Italia ci perdiamo in un bicchiere d'acqua"

29 nov 2019 17:00Altre notizie

Ai microfoni di Radio Bianconera, nel corso di ‘Bordocampo’, è intervenuto l’attaccante del Piacenza Daniele Cacia: “La stagione a livello personale speravo fosse un pochino meglio, non posso dire il contrario. Ma le stagioni sono lunghe e basta poco per cambiare la rotta, soprattutto agli attaccanti”.

Sulla sfida contro la Juventus U23: “È una bella sfida, la Juve è una squadra giovane, fatta di buoni elementi. È già il secondo anno che puntano su questa filosofia. Anche noi abbiamo giovani importanti che si stanno mettendo in mostra, credo che contro la Juventus sarà una bella partita”.

Sul progetto seconde squadre: “Se le cose venissero fatte nel modo giusto sarebbe un progetto giusto, sarebbe una bella idea, importante per i giovani. Il problema è che noi in Italia non siamo bravi a copiare cose che altrove fanno bene. Ci perdiamo in un bicchiere d’acqua. Alla fine l’ha fatta solo la Juve, questo vuol dire che siamo bravi a parlare, ma ci perdiamo nei fatti”.

Il più forte con cui hai giocato? “Ho avuto la fortuna di giocare con tanti campioni soprattutto a Firenze, c’era Mutu, Pazzini, a Piacenza sono cresciuto assieme a Nainggolan. Quello che mi ha stupito più di tutti è stato Toni, sapevo quanto era forte, ma vederlo dal vivo è ancora meglio. Naturalmente anche Vieri è un giocatore fantastico, anche se era a fine carriera”.


"Bordocampo" con Edoardo Siddi e Luca Cavallero. Ospiti della puntata: Lorenzo Bettoni (Corriere Torino), Katia Serra (resp. AIC femminile) e Daniele Cacia (attaccante Piacenza). © registrazione di Radio Bianconera

Altre news

Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy