Burgnich: "Juve in cima, sarà difficile per gli altri. Ai miei tempi c'era più passione, oggi si pensa solo ai soldi"

17 gen 2020 10:56Altre notizie

Ai microfoni di Radio Bianconera, nel corso di ‘Terzo Tempo, è intervenuto Tarcisio Burgnich: “La Juve è ancora in cima quest’anno, sarà difficile per gli altri. Prima si giocava per la voglia di esibirsi in campo, c’era la passione, adesso sono arrivati i soldi e si lavora soprattutto per la voglia di ottenere i risultati e il riscontro economico. È questo che è cambiato nel mondo del calcio. Non c’è secondo me quella passione che c’era prima”.

Su Buffon: “Lui forse ha ancora la passione che avevamo noi, ma credo abbia gli stessi interessi di scendere in campo e cercare di vincere la partita. Fa ancora la differenza perché ha ancora la passione, magari altri pensano più a strappare grossi contratti”.

Ci può raccontare un suo ricordo legato alla maglia azzurra? “Sicuramente le mie qualità non erano quelle di fare gol, io andavo su per cercare il colpo di testa, avevo sicuramente voglia di andare in avanti e quel gol alla Germania rimane un grande ricordo”.

Questa Juve ha la difesa più forte di sempre? “La Juve ha sempre avuto delle grandi squadre, anche negli anni in cui giocavo io”.

Un giocatore juventino a cui è legato? “Eravamo molto amici in quei periodo, si viveva insieme la voglia di andare in campo. Magari si cercava uno spiazzo e si andava a giocare insieme, era la passione che ti trasportava”.


Tarcisio Burgnich ai microfoni di "Terzo tempo" con Alberto Mauro e Luigi Schiffo. © registrazione di Radio Bianconera

Altre news

Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy