De Marchi: "Alla Juve bisogna cercare il pelo nell'uovo. Nessuno è insostituibile"

26 nov 2019 14:11Altre notizie

Ai microfoni di Radio Bianconera, nel corso di ‘Terzo Tempo’, è intervenuto Marco De Marchi: “La Juventus negli ultimi anni ha abituato tutti a un buon gioco ma soprattutto a delle grandi vittorie in Italia, ora si spera arrivi a farne in Europa. Bisogna cercare sempre di trovare il pelo nell’uomo. I risultati stanno arrivando, la Juve sta mantenendo un ruolino di marcia importante, ma secondo me quest’anno ha qualcuno alle calcagna che sta spingendo forte. Sicuramente stanno arrivando i punti e il gioco latita, pensate quando ci sarà il gioco… Quest’anno è arrivato un allenatore nuovo che sta cercando di trasmettere le proprie idee, io non sarei allarmato per questo”.

Perché nell’ultimo mese la Juve sembra faticare di più? “Io non ho visto tutte le partite, è ovvio che nel momento in cui abbiamo di fronte un allenatore che ha sempre utilizzato gli stessi giocatori è ovvio che se molti ti vengono a mancare fai più fatica. Ma sono convinto che stare a discutere Sarri è follia, diamogli il tempo di amalgamare la rosa. Ci sono tanti campioni e quelli che sostituiscono i titolari danno sempre il massimo”.

Il giocatore insostituibile di questa Juventus? “Io dicevo Chiellini, ma si è infortunato e l’hanno sostituito… Adesso De Ligt si sta ambientando e sta dimostrando tutto il proprio valore. Dicevo Ronaldo perché è il calcio vero, che fa divertire, ma anche inteso come professione. È una macchina da guerra che si è costruita quotidianamente, anche se anche lui ha avuto bisogno di rifiatare. Sono tanti i campioni, in squadre come questo è difficile dire chi è l’insostituibile, hanno ricambi molto importanti e faccio fatica a dirne uno”.

La scelta di puntare su Sarri da cosa è dipesa? “Probabilmente sia per il gioco che per puntare alla Champions, il ciclo di un allenatore a un certo punto termina e non si riesce più a spremere. Solo Ferguson è riuscito a resistere vincendo tantissimo, poi gli allenatori di solito hanno un tempo determinato. Ovvio che chi prende Sarri sa che tipo di allenatore è, stiamo aspettando di vedere con continuità che la squadra possa vincere anche attraverso un bel gioco”.

Clicca sul podcast in calce all’articolo per l’intervento completo.


Marco De Marchi ai microfoni di "Terzo tempo" con Marco Spadavecchia e Alberto Mauro. © registrazione di Radio Bianconera

Altre news

Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy