Martorelli: "Chiesa? Non sono sorpreso. E può crescere ancora. Juve, prenderei un profilo alla Gomez"

08 gen 2021 18:13Altre notizie

Intervistato da Radio Bianconera, nel corso di ‘Stile Juventus’, l’agente FIFA Giocondo Martorelli ha analizzato gli ultimi temi caldi in casa Juventus, a cominciare dall’esplosione di Federico Chiesa: “Non sono sorpreso e aggiungo come avevo detto in tempi non sospetti che i margini di crescita sono ancora grandissimi. La maturazione di un calciatore a certi livelli può avvenire anche a 26-27 anni. È un ragazzo che ha tanto impegno, tanta abnegazione. Ha voglia di dimostrare tutte le sue qualità e voglia di migliorarsi. Questa volontà di crescita si vede anche nel secondo gol, lui è un destro naturale, ma il gol fatto dimostra il lavoro fatto. Non è stato un tiro a caso, è stato cercato e voluto. L’attitudine alla ripetitività degli allenamenti ti porta poi a rifare i gesti in partita. Non mi stupisco e non mi meraviglio di quello che sta facendo e che secondo me farà. Oggi è facile portare un ragazzo alle stelle e poi dopo pochi mesi riportarlo nel baratro, quindi avere come punto di riferimento un grande professionista come il padre è importante. Ha saputo soffrire e si è riuscito a riguadagnare il posto, merito suo ma anche della famiglia. È un ragazzo equilibrato e voglioso di fare bene. Se può diventare un top player? Secondo me ha tutto per diventarlo, è un giocatore con grande potenzialità. Con tutto il rispetto per la Juventus, tra 2-3 anni potrebbe arrivare al Real Madrid che è sempre il sogno di tutti. Ma già giocare nella Juventus è qualcosa di straordinario, lui farà di tutto per vincere con questi colori per molti anni”.

Sulla caccia alla punta: “Addentrarsi in questo labirinto è complicato. Quagliarella si è chiamato fuori, secondo me alcuni nomi che si fanno non andrebbero ad aumentare la qualità della Juve. Altri come Giroud e Milik secondo me sono piste poco percorribili anche se per motivi diversi. Io non escludo che per la punta la Juventus possa andare su un altro tipo di calciatore. I nomi non so quale possono essere, ma come caratteristiche magari potrebbe andare su un giocatore alla Gomez, anche perché in attacco la Juve di alternative ne ha tante e chiunque prendesse giocherebbe pochissimo. Non mi stupirei se i bianconeri andassero su un prototipo di giocatore come Gomez”.

Su Pogba e il possibile scambio con Dybala: “Io se fossi il direttore sportivo della Juve un giocatore come Dybala non lo lascerei mai scappare dal punto di vista tecnico. Lo scambio non lo farei. Poi se ci fosse la possibilità di riprendere Pogba, tutto dipenderebbe dai costi. Ad oggi non c’è una società in Italia e in Europa che possa investire certe cifre. Non credo che lo United possa fare una minusvalenza così grande. Come qualità è ancora un grande giocatore, ma oggi nessuna società può non tenere conto dei bilanci”.

Clicca sul podcast in calce per la trasmissione integrale.


Stile Juventus, rubrica sul mondo Juve a cura di Nicola De Bonis, in studio Quintiliano Giampietro. Ospiti: Giocondo Martorelli ( Agente F.I.F.A.), Fabio Ellena. © registrazione di Radio Bianconera

Altre news

Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy