Sissoko: "Pogba può diventare come Gerrard o Lampard. Rabiot? Sapevo che sarebbe esploso"

18 nov 2020 18:31Altre notizie

Ai microfoni di Radio Bianconera, nel corso di ‘Stile Juventus’, è intervenuto l’ex Juventus Momo Sissoko: “La mia Juventus? Io sono molto contento di quello che ho fatto e di aver indossato la maglia della Juventus, è un piacere e un onore, ancora oggi tutti i tifosi juventini mi mandano dei messaggi e questo mi rende molto felice. Io particolarmente amato? Tutti hanno fatto un buon lavoro, sicuramente non sono arrivato in una Juventus forte come quella di adesso, ma io volevo fare le cose bene, rispettare questa maglia che pesa molto. Credo di aver fatto bene, ho avuto degli infortuni, ma per me è stato comunque un orgoglio. Questa maglia pesa tanto”.

Su Rabiot: “Può arrivare veramente lontano, come avevo detto lo scorso anno lo conosco bene ed è stato uno dei giovani migliori del PSG, l’ho aiutato a capire com’era il calcio e sapevo che era solo una questione di tempo prima che si adattasse al mondo Juventus, al gioco e alla lingua. Sapevo che aveva qualità, può diventare una base importante per la Juve”.

Su Chiellini: “Ha avuto una lesione molto importante, alla sua età è difficile tornare al livello che aveva prima, ma già la sua presenza in questo gruppo, così come Buffon e Bonucci, è fondamentale, trasmette lo spirito di juventinità”.

Su Pogba: “Tutto è possibile nel calcio, il giocatore deve giocare dove si sente bene e dove ha avuto successo. A Madrid io la vedo un po’ difficile, secondo me se ha la possibilità di tornare alla Juventus sarebbe un acquisto molto importante per la formazione bianconera. Sono d’accordo sul fatto che non abbia sempre trovato continuità per la qualità che ha, dovrebbe fare di più, potrebbe arrivare al livello di Gerrard e di Lampard se giocasse sempre al suo livello. Ha le capacità per diventare il miglior giocatore nella sua posizione, è fisico, è tecnico, se trova continuità può farcela”.

Sulla Juve di Conte: “Sicuramente mi sarei divertito con quel centrocampo”.

Su Osimhen: “Insieme ad un mio amico abbiamo un’agenzia di osservatori e di fatto abbiamo portato noi Osimhen al Napoli. Io avevo detto alla Juventus che era un giocatore molto forte, lo avevo consigliato ai bianconeri. Mi hanno detto che sarebbe stata un’operazione un po’ difficile".

Su Camavinga: "Non so se ci sono stati contatti con la Juventus, è un giocatore giovane e credo che andrà al Real Madrid. Però se la Juventus ha le risorse e può arrivare a prenderlo secondo me deve provarci perché è molto forte”.

Clicca sul podcast in calce per la trasmissione integrale.


Stile Juventus, rubrica sul mondo Juve a cura di Nicola De Bonis e Quintiliano Giampietro Ospiti: Filippo Bonsignore, Momo Sissoko. © registrazione di Radio Bianconera

Altre news

Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy